Image Image Image Image Image
Scroll to Top

To Top

Michel Gondry

05

giu
2016

No Comments

In Altro

By Laborafilm

Microbo & Gasolina: Un viaggio verso il cuore dello spettatore

On 05, giu 2016 | No Comments | In Altro | By Laborafilm

microbo-e-gasolina-1

 

Microbo e gasolina è un fiabesco road movie di formazione dove il viaggio assume tinte profonde dove ad insegnare è proprio chi dovrebbe imparare: i più piccoli. Un inno alla leggerezza, alla semplicità, al credere in se stessi e alle diversità viste come ricchezza e non come fonte di emarginazione. Non tutti hanno la fortuna di nascere diversi, questo è il messaggio da imparare. Assistiamo alle vicende di due ragazzi “diversi”, soprannominati Microbo e Gasolina. Il primo è sensibile, creativo ma troppo introverso e insicuro. Il secondo è più sicuro di se, bravo a dare consigli e con i lavori manuali. I due amici ci accompagnano nel loro viaggio a bordo di una casa con le ruote “home made”, un rifugio da cui guardare il mondo, lentamente e con gli occhi di due piccoli sognatori ribelli. Un percorso fatto ai trenta chilometri orari, vedi per le prestazioni del mezzo ma anche metaforicamente per far sì che non si perda nulla del cammino. Due giovani adolescenti alle prese con le domande poste dal diventare grandi e dalla consapevolezza sempre maggiore di una propria personalità e sessualità nascenti.

Due giovani adolescenti dalle risposte illuminanti dettate dalla semplicità e da una visione non ancora contaminata del mondo. Uno scontro generazionale che non risparmia niente e nessuno: perché i grandi hanno smesso di vivere, o meglio, perché i grandi hanno cominciato a vivere per complicarsi l’esistenza? Una casa con le ruote, metafora di spensierata innocenza, con cui viaggiare nel tempo verso la crescita personale e nello spazio delle campagne francesi con gli occhi di chi si sorprende ancora della bellezza della vita e dell’importanza che la disobbedienza nel compiere un atto folle possa in realtà rivelarsi la cosa più giusta da fare. Una allegra macchina che all’occorrenza è in grado di eclissarsi camaleonticamente agli occhi di chi guardando la luna vede ormai solo che il dito: gli adulti. Un motore di un tosaerba e le fattezze di casetta da giardino, con tanto di gerani, regala all’incoscienza di due giovani curiosi un tesoro inestimabile: la ricchezza di un amicizia sincera e la forza di prendere strade inusuali nella vita, creare e vedere alternative al cammino convenzionale. Una lezione che insegna a formare una coscienza indipendente volta a non tappare le ali della fantasia e dell’immaginazione. Un rapporto che li farà crescere, un estate indimenticabile che li cambierà profondamente per tutta la vita.

Michel Gondry con il suo film ci riporta alla memoria le sue, e anche nostre, esperienze di quando essere ribelli era la cosa più giusta da fare. Il ricordo degli amici passati, compagni di merende, che hanno influenzato di più il nostro percorso. Un ricordo della scuola e dei primi amori sofferti, e la frase che tutti dovrebbero dire ai propri figli: “i bulli di oggi saranno le vittime di domani”. Un film leggero e pieno di poesia che insegna che c’è sempre speranza nel futuro per chi non ha un passato di rimorsi.

Alberto Morbelli

Tags | ,